About admin

This author has not yet filled in any details.
So far admin has created 6 blog entries.

Presidente Enpap, Non Siamo Uguali Davanti Al Voto?

Lettera aperta al Presidente Enpap Dott. Felice Torricelli

Egregio Presidente,

mi rivolgo a Lei per segnalare una palese violazione delle pari opportunità di voto, così come emerge dalla circolare illustrativa pubblicata sul sito dell’ENPAP.

Al punto F della circolare, infatti, si legge che

l’avente diritto al voto che dichiari per iscritto di non aver ricevuto le credenziali per l’esercizio del voto o di averle smarrite o deteriorate, può chiedere il rilascio di nuove credenziali al Presidio Elettorale, previa verifica dell’eventuale utilizzo e annullamento delle precedenti.
In tal caso, dovrà far pervenire la richiesta al Presidio Elettorale entro e non oltre le ore 18:00
del 15 febbraio 2017, esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo elezioni@pec.enpap.it,
utilizzando il fac-simile di modulo messo a disposizione dall’Ente sul sito internet
www.enpap.it/elezioni, ovvero presentandosi fisicamente al Presidio Elettorale durante l’arco di tempo di apertura del periodo elettorale di cui al precedente paragrafo A).

Il Regolamento Elettorale, peraltro, non prevede questa possibilità, perché recita, testualmente, all’articolo 9, comma 5:

L’Elettore che dichiari per iscritto di non aver ricevuto le credenziali per
l’esercizio del voto o di averle smarrite o deteriorate, può chiedere il rilascio di nuove credenziali al PE previa verifica dell’eventuale utilizzo e annullamento delle precedenti

Nella Circolare, che non ha valore regolamentare, ma solo esplicativo, è prevista una prassi arbitraria e gravemente discriminatoria rispetto al diritto di voto: chi non ha le credenziali potrà recarsi al Presidio elettorale di Roma dal 27 febbraio al 3 marzo e potrà esercitare il diritto di voto. Chi invece non potrà andare a Roma perché abita, per esempio, a Torino o Macerata, non potrà votare!
È evidente, senza necessità di molte spiegazioni, che questa norma non prevista dal Regolamento, genera una discriminazione abnorme e illegittima relativamente al diritto di voto.
La prego pertanto di voler intervenire prima dell’inizio delle procedure di voto per sanarla, dando l’opportunità a tutti gli elettori e le elettrici residenti in Italia di ottenere le credenziali di voto al pari degli Iscritti e delle Iscritte abitanti nel Lazio.

Certa della Sua comprensione, Le porgo distinti saluti

Angela Quaquero
Candidata CdA Raggruppamento NoiEnpap

By | febbraio 23rd, 2017|Enpap|0 Comments

Enpap, Meno Gettoni Più Servizi

Sono usciti domenica 21/02/17 due articoli su quotidiani nazionali che mettono in evidenza la relazione della Corte dei Conti sull’ammontare dei gettoni di presenza, insieme alle indennità, per i vertici del CdA Enpap.

Parlano i fatti. Questa è una relazione del Ministero del Lavoro:

 

Scopriamo, così, che il Presidente Torricelli ha percepito nel 2015 circa 110.000 € (centodiecimila/oo) tra gettoni di presenza e indennità.

Solo di gettoni, 50.000 !!!

E’ un trend, quello dei gettoni di presenza, in costante crescita. Si guardi questo grafico:

 

 

 

 

Dal 2013, anno di insediamento di AltraPsicologia, gli emolumenti sono sempre cresciuti e mai diminuiti:

E’ bene chiarire, sin da subito, che non c’è niente di illecito, ma il punto è un altro: può un Presidente Enpap guadagnare così tanto a fronte di pensioni misere, in media 230 € al mese?

Può un Presidente Enpap guadagnare così tanto a fronte di redditi medi di Colleghi di 15.000 € all’anno?

Ognuno faccia le sue valutazioni.

E’ vero che i soldi destinati ai compensi non corrispondono a quelli della Pensione, ma è altresì vero che tali somme possono essere destinate a forme di maggiore Assistenza per i Colleghi.
Si guardi questo grafico:

 

 

 

 

 

 

 

 

questo è l’ammontare che ENPAP ha messo a disposizione per l’assistenza agli iscritti. Va detto che questo era il massimo che l’ENPAP poteva dare per l’assistenza perché nel 2010 è stato deliberato che ad essa si può dedicare fino al 60% di ciò che l’ente risparmia.

Come si fa quindi a dare di più per l’assistenza dei colleghi? Bisognerebbe risparmiare di più. Un’operazione che è possibile fare solo tagliando i costi: nello specifico quali?

i gettoni di presenza: solo quelli del CdA per il 2015 ammontano a 177.824 mila euro e risparmiare su questi porterebbe a dare 106.694,4 mila € in più all’assistenza;

il patrocinio per gli eventi: in barba alla trasparenza non è possibile determinare a quanto ammonti il patrocinio per gli eventi (leggasi scuole di psicoterapia). Sappiamo che le spese editoriali previste per il 2016 ammontano a 300 mila euro e – non essendo l’Enpap una casa editrice – supponiamo che i soldi per i patrocini siano contabilizzati in questa voce. Non erogare più patrocini alle scuole di psicoterapia potrebbe dunque portare a dedicare all’assistenza altri 180.000 €.

Ma AltraPsicologia dirà che è colpa dell’IVA “è per l’iva che i gettoni di presenza sono aumentati“.

Ok…allora è colpa di IVA 😉

By | febbraio 21st, 2017|Enpap|0 Comments

Gestione Enpap AltraPsicologia: i Rilievi della Corte dei Conti

Apprendiamo dalla stampa nazionale delle spese per il funzionamento degli organi di gestione nell’ultimo triennio.

In particolare nell’articolo si rileva che i costi sono lievitati in modo considerevole relativamente ai gettoni di presenza nei Gruppi di lavoro, che, per ciascun componente del Consiglio di Amministrazione, sfiorano i 35.000 euro l’anno, che si vanno ad aggiungere all’indennità di carica.

Tutto questo, dice la Corte, a fronte dell’esiguità delle pensioni erogate, che al momento attuale si mantengono tutte sotto il limite minimo della pensione sociale.

Alcune considerazioni sono d’obbligo.

È la Corte dei Conti che scrive e che fa rilievi: per rispetto agli psicologi l’ENPAP deve tener conto delle critiche ricevute.

ALTRAPSICOLOGIA, non solo non lo l’ha fatto, ma si è ben guardata di farlo sapere nella speranza che la notizia fosse diffusa solo dopo le elezioni del 27 febbraio – 3 marzo 2017.

Abbiamo pubblicato sul nostro sito fin dai primi di gennaio che nel nostro programma le indennità saranno onnicomprensive dei gettoni per i gruppi di lavoro: non ci voleva molto a capire che quella era una criticità: bastava leggere il bilancio.

Il programma di NoiEnpap andrà avanti esattamente in quella direzione, come abbiamo scritto e detto in questi mesi: meno sprechi, maggiore attenzione alla costruzione di pensioni decorose e più servizi agli Iscritti.

Non avevamo notizia della Relazione della Corte, ma abbiamo proposto fin dall’inizio un Comitato di Garanzia composto, per l’appunto da Magistrati provenienti anche dalla Magistratura contabile.

Ci saremmo aspettati una maggiore trasparenza da chi della trasparenza ha fatto il proprio cavallo di battaglia.

By | febbraio 19th, 2017|Enpap|0 Comments

Elezioni Enpap, Bugie e Falsi Accostamenti

Nelle ultime settimane la dialettica elettorale ha decisamente trasceso i confini di una leale, seppur accesa, competizione e troppo spesso sono state diffuse sui social informazioni fortemente fuorvianti.
Abbiamo scelto fino ad oggi di non rispondere, per non entrare in simmetria ed attivare un’escalation distruttiva: il nostro obiettivo è di lavorare in modo inclusivo, non di cercare lo scontro a tutti i costi. Ma forse è necessaria una puntualizzazione.
Ci riferiamo in particolare all’equazione simbolica “NoiEnpap = Via della Stamperia”, con la conseguente soluzione: “NoiEnpap = truffatori”.

Può far sorridere, data l’assurdità dell’operazione, ma non fa sorridere affatto che vengano fatti passare come “truffatori” 36 persone oneste e mai coinvolte in fatti che oggi sono sottoposti all’esame della Magistratura.
Perché, sia chiaro, stiamo parlando di 36 professionisti seri, competenti, che si sono impegnati in un progetto onesto e qualificato.
Per questo motivo sentiamo di dover dichiarare con fermezza la distanza da quelle vicende, distanza che peraltro era già stata espressa a suo tempo dal CNOP.

Una considerazione: generalizzazioni di questo tipo possono certamente attirare, mediante la disinformazione, l’attenzione, ma il gioco gratuito del fango fra colleghi non giova allo sviluppo della professione.
Chi si candida a governare i meccanismi della previdenza dovrebbe tener conto in primo luogo di questo aspetto di lealtà e correttezza.

Il nostro desiderio è di poter dialogare con tutti i colleghi e di mantenere una comunicazione che sia coerente con la nostra professionalità e la nostra umanità.

Per questo vogliamo riportare l’attenzione ai veri pilastri del nostro programma, i temi che più ci interrogano e gli obiettivi che desideriamo realizzare per una previdenza e un’assistenza migliore: giovani, solidarietà nei momenti di “fragilità” e legalità.
Invitiamo tutti ad approfondire il programma attraverso i nostri canali  o tramite la nostra pagina Facebook.
Insieme a NOI per la nostra previdenza!

Scopri i nostri candidati.

 

By | febbraio 12th, 2017|Enpap|0 Comments

Elezioni NoiEnpap, il Nostro Programma in 10 Punti

  • Alleggerimento dei contributi da versare per chi si trova a inizio attività.
  • Prestiti per esigenze professionali (materiale tecnologico, formazione, ristrutturazione locali ecc.) e per l’avvio o consolidamento dell’attività
  • Prestiti a rapido accesso per progetti innovativi che aprano concreti percorsi professionali (psicologo di base, del territorio, in farmacia, etc.)
  • Mutui agevolati ENPAP sulla prima casa
  • Una più favorevole distribuzione nel tempo dei contributi dovuti
  • Eliminazione di sanzioni e interessi nell’arco dell’anno solare e un servizio di recupero crediti a favore degli Iscritti
  • Contributi per sostenere le spese di asili nido o baby-sitting
  • Contributi per i colleghi che necessitano di assistenza domiciliare e ospitalità in strutture specializzate
  • Il mantenimento al 2% del contributo integrativo entro una determinata soglia di reddito
  • Ci impegniamo a recuperare e valorizzare le positive esperienze dell’Ente dalla sua fondazione, anche apprendendo dagli errori gestionali pregressi
By | gennaio 30th, 2017|Enpap|0 Comments

Enpap, Proposta Comitato di Garanzia

Nel nostro programma proponiamo l’attivazione di un Comitato di Garanzia, composto da tre magistrati, provenienti dalla magistratura ordinaria, contabile o amministrativa. A questo Comitato intendiamo affidare il monitoraggio delle procedure e del rispetto della legalità e della trasparenza.
È lecita la domanda: “Perché? Esiste già il Collegio dei Sindaci”. Verissimo. Ma se leggiamo l’articolo 12 dello Statuto vediamo quali sono i suoi compiti: vigilare sull’andamento della gestione, sui controlli di gestione, esaminare i bilanci preventivi e le relative variazioni, i conti consuntivi e i bilanci attuariali periodici, tutte materie su cui è tenuto a formulare osservazioni e pareri.
Ma forse non basta.
Con l’introduzione delle direttive dell’Agenzia Nazionale per l’Anticorruzione (ANAC) si vuole costruire una cultura della gestione della cosa pubblica più trasparente: le procedure di spesa, l’affidamento degli incarichi, l’erogazione di contributi, tanto per fare solo qualche esempio, devono essere effettuati in modo più osservabile e verificabile.

L’ENPAP non è un Ente pubblico, è vero, ma i soldi che gestisce sono i nostri.
E allora riteniamo che uno sguardo “esterno” e competente sulle procedure, su come si spende e si sceglie sia importante. Se qualcuno pensa che sia un inutile costo in più può rasserenarsi: nel nostro programma prevediamo di poterlo coprire (insieme con altre spese per gli Iscritti) con una serie di risparmi, fra i quali una consistente diminuzione delle spese per i gettoni di presenza dei Consiglieri del CDA e del CIG.

By | gennaio 30th, 2017|Blog|0 Comments